Chiude la discarica di Chiaiano. E poi?

«È stato comunicato che i conferimenti nella discarica di Chiaiano sono stati sospesi a tempo indeterminato». Ieri mattina con queste parole affidate ad un post su Facebook i comitati antidiscarica di Chiaiano, quartiere a nord di Napoli, danno l’annuncio della decisione della società provinciale SapNa, che definiscono “un’importante vittoria“».

«Si tratta – spiegano – di accertamenti sul cattivo funzionamento della discarica a seguito delle proteste degli ultimi mesi e delle nuove inchieste. Sono stati giorni intensi e carichi di passione e lotta per i comitati del presidio permanente contro la discarica di Chiaiano, che la scorsa settimana hanno dato vita a due intense giornate di lotta. Prima l’occupazione e lo sgombero dell’aula del Consiglio provinciale di Napoli e poi gli scontri con la polizia sempre sotto la Provincia».

«Contemporaneamente – proseguono i comitati – una nuova inchiesta veniva aperta dalla magistratura, questa volta l’ipotesi di reato per i vertici di SapNa e per i gestori della discarica è di aver mascherato un ampliamento attraverso la messa in sicurezza svolta nei mesi estivi». Per i comitati che da tre anni si battono per la chiusura della discarica è una giornata importante”

«La scelta di SapNa di chiudere per accertamenti tecnici conferma tutte le nostre ragioni»”. È quanto sottolinea, in una nota, il consigliere comunale di “Napoli è Tua”, Pietro Rinaldi, espressione dei comitati antidiscarica di Chiaiano, che così commenta la sospensione dei conferimenti nella discarica di Chiaiano da parte della società che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti.

«È evidente – prosegue Rinaldi – che se anche il gestore che è comunque subentrato in una situazione complessa, succedendo alla Ibi che non aveva certificazione antimafia, ritiene di dover effettuare accertamenti, dopo che la magistratura ha prima sequestrato un’area e poi aperto un nuovo fascicolo sulla discarica, non resta che raggiungere il risultato più importante: la chiusura definitiva della discarica».

«Sappiamo che è assolutamente antieconomica la discarica di Chiaiano – prosegue Rinaldi – sappiamo che i documenti della Regione Campania e della Provincia di Napoli parlano di un invaso che ha già raggiunto i limiti di capienza, ma soprattutto sappiamo che da troppo tempo i cittadini di quell’area soffrono disagi insopportabili. Chiaiano deve chiudere – conclude Rinaldi – ed è per questo che ci aspettiamo che il Consiglio Provinciale di lunedì 14 novembre prenda atto di questa situazione».

Quale sarà il futuro dell’area? Se lo chiedono i Verdi napoletani:

«Gli approfondimenti vanno estesi anche ai terreni limitrofi e alle falde acquifere che vanno analizzati in modo molto approfondito. Non a caso nei pressi del sito continuano a cresce frutti “malati”. L’ultimo caso è quello di un limone deforme (in foto) cresciuto nei pressi proprio della discarica di Chiaiano. Inoltre noi riteniamo che oltre allo sversatoio di Napoli anche la discarica di Terzigno vada chiusa perchè ormai è satura».

«L’ eccessiva presenza di acari che aggrediscono la vegetazione nelle zone limitrofe alle discariche – denuncia il Prof. Antonio Marfella dei Medici per l’ Ambiente – soprattutto quelle dove sono stati sversati rifiuti tossici non è, secondo noi, un fatto naturale. Come mai, ad esempio, i limoni della costiera amalfitana non presentano la stessa concentrazione di acari che ci sono nei pressi delle discariche di Chiaiano e Terzigno? Secondo noi questa eccessiva presenza di frutti deformi è dovuta allo squilibrio nella componente microbiologica ambientale. Sono urgenti quindi analisi e test molto dettagliati visto che i frutti e la verdura entrano subito nella catena alimentare».

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Le nuove battaglie

Lascia il tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...