Porto Torres, il ministero (ora) è al fianco delle vittime

Un’inversione di tendenza? Non lo so. Diciamo che questa mossa, per adesso, m’è piaciuta: il ministero dell’Ambiente si costituirà parte civile nel processo per l’inquinamento del mare davanti al polo petrolchimico di Porto Torres.

E insieme al ministero ci sono l’Ente Parco dell’Asinara, l’Associazione dei Medici per l’Ambiente, il Comune di Stintino, oltre a un gruppo di pescatori e di cooperative e imprese di Porto Torres che lavorano nella darsena. Porto torres è un posto magnifico, se non fosse per la pesantissima attività industriale che – qui come altrove – politicanti ben poco lungimiranti hanno pensato di insediare.

A quest’angolo di paradiso è toccato il polo petrolchimico e in questo processo sul banco degli imputati ci sono quattro tra manager e dirigenti delle industrie Ineos, Syndial e Sasol. Ad aprile (il 27) i quattro imputati dovranno difendersi dalle accuse di disastro ambientale e di avvelenamento continuato e doloso di sostanze destinate all’alimentazione. A giudizio sono finiti  – sì, li voglio fare i nomi – Gianfranco Righi, legale rappresentante della Syndial; Guido Safran, manager della Sasol Italia; Diego Carmello e Francesco Maria Apeddu, rispettivamente legale rappresentante e direttore di stabilimento della Ineos Vinyls. Si tratta dei manager delle aziende che si affacciano sul porto industriale e che, secondo il pm Michele Incani, riversarono in mare composti chimici e metalli. In caso di condanna gli imputati rischiano pene superiori ai 15 anni di reclusione, perchè l’accusa – ed è la prima volta in Italia che accade in processi per inquinamento – sostiene che ci sia stato del dolo. Il Comune di Porto Torres, la Provincia di Sassari, l’associazione Anpana, i maestri d’ascia Polese che lavorano da generazioni nel porto si erano già costituiti parte civile nel corso dell’udienza preliminare. All’udienza di stamattina era presente una rappresentanza di esponenti di Irs (Indipendentzia repubrica de Sardinia) guidata dal leader Gavino Sale, il movimento indipendentista sardo che denunciò la vicenda con un blitz nella collina di Minciaredda, ribattezzata «La collina dei veleni», nel 2003.

2 commenti

Archiviato in Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

2 risposte a “Porto Torres, il ministero (ora) è al fianco delle vittime

  1. Pingback: Porto Torres, il Ministero (ora) è al fianco delle vittime « Terracina Social Forum

  2. è davvero ammirabile il lavoro svolto da alcuni giornalisti e magistrati nel difendere sia l’mbiente, ma soprattutto la salute, bravi, vi auguro di continuare sempre in questa battaglie, e così anche se lentamente cerchiamo di ripulire la nostra bella italia

Lascia il tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...