I reati ambientali non conoscono crisi

Non avrei mai voluto leggere questi dati. E invece eccoli qua:

nel 2011 i reati  accertati dal Corpo Forestale dello Stato sono stati più di 16 mila, con un incremento del 17%   rispetto all’anno precedente. Il resoconto annuale dell’attività dei forestali  ha contato più di 800 mila controlli, dalla prevenzione incendi al traffico di animali alla protezione del ‘made in Italy’ agroalimentare. La lunga estate calda ha riportato al centro dell’attenzione il fenomeno degli incendi. In particolare, la Forestale ha accertato 6.515 reati di incendio boschivo, un numero quasi doppio rispetto all’anno precedente, denunciato 446 persone e arrestato 9, contestando 2289 violazioni amministrative per un importo complessivo di oltre un milione e trecentotrenta mila euro.

Il 2011 è stato un anno record anche sul fronte dei rifiuti, in cui sono stati accertati 1.951 reati, denunciate oltre 2mila persone e contestate 4.546 violazioni amministrative, con un importo record notificato pari a più di 13milioni di euro, con un incremento superiore al 60% rispetto al 2010. Quasi ottomila controlli, prosegue il rapporto, hanno riguardato il benessere degli animali: «Gli interventi effettuati dai nuclei specializzati – si legge – hanno portato alla scoperta di canili lager, combattimenti e corse clandestine, traffici illegali di cuccioli, avvelenamenti e maltrattamenti. Particolare attenzione, nell’era del web, è stata rivolta alla vendita on-line degli animali, che spesso nasconde delle truffe». A questo, sottolinea il rapporto, si aggiungono i controlli nell’agroalimentare e quelli sulla sicurezza in montagna, che da sola ha portato a 1200 interventi.

Che fare?

Inasprire le sanzioni, investire di più nelle attività investigative e nei mezzi a disposizione delle procure per perseguire gli autori dei reati.

Non dimenticherò mai cosa mi ha detto il gestore di una ditta di smaltimento di rifiuti pericolosi: il prezzo di essere beccati? Fa parte del rischio. Nonostante questo, delinquere conviene sempre.

Ecco, per spezzare il circolo vizioso, bisogna al più presto rendere meno conveniente questo calcolo.

 

2 commenti

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi

2 risposte a “I reati ambientali non conoscono crisi

  1. Pingback: VerdeNero » Blog Archive » I reati ambientali non conoscono crisi

Lascia il tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...