Passata l’emozione, parlo di me

ImmagineToghe Verdi martedì sera ha ricevuto un premio. Il premio Monteverde Pasolini per il giornalismo.

L’ho ritirato al teatro Vascello di Roma, circondata da una buona parte dei miei affetti più cari. La settimana è stata pienissima di emozioni e di orari tutti sballati, cominciando dal fine settimana scorso, vissuto a Taranto (seguirà cronaca), conclusa con la fumata bianca serale che ha portato un surplus di lavoro in redazione (devo dire, divertente), insomma rallento solo ora, e ho voglia raccontare in ordine sparso quello che ho visto.

La stretta di mano cordiale e forte di Franco Latorre, figlio del dirigente comunista Pio ucciso dalla mafia per quel progetto, che oggi è realtà, di confiscare i beni dei mafiosi e per le accuse rivolte a Vito Ciancimino di essere il legame politico della mafia. Un onore per me ricevere il premio da lui.

Il pensiero ricorrente del “cosa mi metto” diventato polvere di fronte all’impegno dei maestri di strada, delle suore che si occupano delle vittime della tratta, degli atleti del parkour di Tor Bella Monaca, di tanti pezzi di una Roma sconosciuta ma bellissima recuperati e portati alla luce dagli organizzatori del premio.

Fiori, tanti, ora tutti a casa a inondarmi di profumo quando rientro la sera.

Una donna dai capelli biondi e ricci mi avvicina per dirmi che le è piaciuto di come ho parlato del giornalismo, la mia passione più grande.

Ho pensato che tutte quelle gastriti beccate in redazione alla fine hanno avuto un perchè.

Ecco la motivazione del premio:
a Stefania Divertito
Per aver dissotterrato le vicende e gli intrighi che negano lo sviluppo del paese, schierandosi coraggiosamente al fianco dei protagonisti di difficili battaglie
(poi chissà perchè mi tremavano le gambe…)

I miei amici intorno e una festa con nuovi amici la sera… anzi la notte. Un ottimo vino bianco che ha condito risate a non finire.

E la voglia, forte, forte, forte più che mai, di non smettere più di fare questo lavoro.

ps. digressione dovuta, parlare di noi, a adesso si torna a raccontare del mondo.

8 commenti

Archiviato in Senza categoria

8 risposte a “Passata l’emozione, parlo di me

  1. Marco Mandelli

    Brava!complimenti!!

  2. utry sotera

    Ho divorato Toghe Verdi in una notte…e quella notte mi ha lasciato una strana amarezza in bocca…ma almeno adesso conosco!
    Più uno stato è corrotto e più fa leggi. – di Tacito, I sec. d.C.
    Grazie mille Stefania!

  3. Giuseppe Improta

    Complimenti. Brava. Non ti conosco direttamente ma ho seguito su FB il tuo valido lavoro…Mi ricorda gli articoli e le inchieste che facevamo sugli stessi argomenti su La Voce della Campania di cui sono stato redattore per anni (Direttore era Santoro, poi Cinquegrani…). In questi giorni ho donato le annate pubblicate negli anni 74-90 alla Biblioteca comunale di San Giorgio adi Ponticelli). Domanda: vogliamo presentare il tuo libro a San Giorgio? Sarei contento di organizzare…Sentiamoci.

  4. anna

    ho sempre pensato che il tuo impegno avrebbe meritato un premio, sono sempre stata orgogliosa di te e di quello che fai, bravissima !!!!!!

Lascia il tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...