Una data, un impegno. Per tutti

Tenetelo in agenda: sette aprile. Tutta Taranto è chiamata a partecipare alla grande manifestazione per far arrivare lontano, fino a Roma, la propria voce.
Ma non solo.
Tutta Italia è chiamata in causa, dal decreto cosiddetto Salva-Ilva. Perchè l’ingerenza a posteriori potrebbe colpire qualsiasi barricata dove ogni giorno comitati, residenti, cittadini, stanno lottando per affermare il diritto costituzionale alla salute.
E alla vita, aggiungo.

Tutti a Taranto, il sette aprile.
Perchè Taranto è casa nostra.

Intanto, aderite all’appello firmando qui

20130318-003541.jpg

Annunci

2 commenti

Archiviato in Acciaierie Valsugane, Le battaglie di Togheverdi

2 risposte a “Una data, un impegno. Per tutti

  1. In un recente seminario su Taranto e l’Ilva promosso dai giuristi della ‘Scuola Superiore Sant’Anna’ di Pisa, al termine delle varie relazioni di ambito penale, pubblico e ambientale è emersa con evidenza tutta la gravità della scelta affidata alla Corte. Sullo sfondo dei profondi mutamenti che hanno investito i poteri dello stato e di un quadro complessivo di civiltà costituzionale che non è stato ancora in grado, a differenza di paesi europei come la Germania o extraeuropei come gli Stati Uniti, di fissare una “gerarchia di valori” (un campo di “valori neutri” li chiamava Carlo Mezzanotte). Valori come ‘vita’, ‘salute’ e ‘libertà individuale’ da sottrarre al “bilanciamento puro tra interessi” e al calcolo economico che assieme alla crisi e alla recessione sfidano nell’intimo l’emergenza che tiene in ostaggio Taranto e pendono sul capo di qualunque decisore; tanto più su quello di uno supremo come la Corte. A parti invertite si assiste invece da un lato a una Procura nobilmente interprete della Costituzione e dall’altro si ha il fondato timore che una Corte ‘anagraficamente’ avanzata possa indulgere in troppo ‘realistiche’ ‘composizioni’ d’interessi o in esercizi di ‘ragionevolezza’ che finiranno per favorire chi ha il coltello dalla parte del manico. È auspicabile dunque che, referendum a parte, si torni presto a parlare in tutte le sedi di Taranto che nei coni d’ombra di una crisi parlamentare ormai permanente rimane una delle principali ferite aperte del paese e assieme una grande opportunità per tutti.

    • Condivido ogni parola.
      Parlare in tutte le sedi di Taranto: una necessità. Non è chiaro a tutti che lì si gioca una partita che riguarda tutta l’Italia. Grazie, e complimenti per pontegirevole, lo “linko” e lo seguo immediatamente 🙂
      Stefania

Lascia il tuo commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...