Archivi categoria: Attualità

Sto dando i numeri (Rubacchiati, in attesa dei cassetti del ministro)

La contaminazione del suolo e delle acque nella zona delle ex raffinerie di Napoli est

La contaminazione da metalli pesanti del suolo nella zona delle ex raffinerie di Napoli est

 

Se c’è una cosa che non sopporto è lasciare le notizie a metà. Abbandonarle lì, dopo aver scritto un articolo, senza sapere più come sono andate a finire. Preambolo necessario per spiegare come mai da un anno a questa parte sono diventata la persecuzione di uno degli autori del progetto Sentieri, lo studio governativo che vuole mappare lo stato di salute (anzi di non salute) dei residenti nei 44 Sin (i siti di interesse nazionale, le aree più inquinate d’Italia, i buchi neri dove il diritto a una vita sana è stato ucciso dal profitto e dalla malagestione).

L’anno scorso più o meno di questi tempi l’allora ministro della Salute Balduzzi annunciò una conferenza stampa per presentare i dati aggiornati del progetto: infatti le statistiche erano ferme al 2002.

Mi preparo, studio, e il giorno prima chiamo il ministero per sapere il luogo della conferenza.

–       Quale? Non c’è nessuna conferenza.

–      Ma come, ho una vostra mail di un mese fa che l’annunciava.

–       Eh dottoressa, un mese, ne succedono di cose in un mese.

–       Come ad esempio che avete bruciato lo studio? Scusate se l’avete annunciato vuol dire che i dati ce li avete, li voglio vedere…

Ma non sapevano di cosa stessi parlando, erano indaffarati con Taranto, quelli nuovi li avevano solo per Taranto, e lei si riferisce a Taranto? E allora venga alla conferenza del ministro a Taranto.

–       Io mi riferisco a Taranto e a tutti gli altri Sin.

Niente da fare. Spulciando l’elenco degli autori del progetto scopro che c’è un ricercatore di cui ho il cellulare. E lui mi dice che i dati ci sono ma che il ministero li tiene nel cassetto perché sono troppo allarmistici.

–       Che????

Ho già in mente un elenco di toghe verdi a cui far sapere quest’informazione.

–       Senta, ma li stiamo aggregando, progetto per progetto, e presto li presenteremo. Abbia solo un po’ di pazienza.

Pazienza? È il mio secondo nome.

Da quel momento una volta al mese ho telefonato al dottor Fabrizio Bianchi per avere numi sul progetto che invece non è mai stato presentato.

Però ieri a Roma si riuniva il gotha dell’epidemiologia italiana, compreso il padre del Sentieri (Pietro Comba) e la madre ((Roberta Piratsu) che in un breve ma succoso intervento ha spiegato cosa sta succedendo, e ha anticipato un po’ di dati nuovi. In attesa che il ministero ci faccia la grazia, e metta insieme questi numeri, ne tiri fuori un rapporto completo: ministro Orlando su,  non mi faccia consolidare l’idea che stiamo sprecando soldi pubblici in ricerche che non verranno mai divulgate. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

Una scheda sintetica. Una roba così non merita commento.

20130410-113812.jpgIl Senato ha approvato  il decreto Ilva-bis con  206 voti favorevoli.

La Camera ha licenziato il testo l’11  luglio scorso con 299 voti favorevoli.

Nel decreto sono state inserite circa 30 modifiche rispetto  al testo originario uscito dal Consiglio dei ministri.

Le commissioni Industria e Ambiente al Senato non hanno modificato  il testo, visto che il decreto scade il 4 agosto e i tempi per il ritorno alla Camera sono troppo stretti.

COSA PREVEDEVA IL TESTO ORIGINARIO

Il provvedimento, varato dal Consiglio dei ministri il 4
giugno scorso e composto da tre articoli, introduce nuove
norme per il commissariamento delle aziende (o degli
stabilimenti) che causano danni ambientali (per una durata
massima di 36 mesi), prevede la costituzione di un comitato
di tre esperti per definire un Piano di misure per la tutela
ambientale e per garantire il rispetto dell’Aia
(Autorizzazione integrata ambientale), e regola le figure
del commissario straordinario e del subcommissario.
Inoltre prevede un Piano industriale predisposto dal
commissario e stabilisce il commissariamento dell’Ilva di
Taranto.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

Le pecore non fumano. O forse sì?

999030_10201673199339586_50779372_n

Liberamente rapinata da Facebook, grazie a Luciano Manna

E così abbiamo avuto tutti un’illuminazione.

Grazie al commissario straordinario dell’Ilva Enrico Bondi, abbiamo scoperto che i bambini di tre anni fumano come turchi a Taranto.
E abbiamo saputo che anche le donne incinte sono evidentemente grandi fumatrici perchè in alcuni casi i bambini sono già nati malati.
Può capitare, eh? Ora, sarebbe un’eccezionale concentrazione di donne sconsiderate e ignoranti, tutte a Taranto, con quel maledetto vizio del fumo, però in effetti non è impossibile.
Ma non solo. Abbiamo scoperto che fumano anche pecore e mucche a Taranto. E vorrei sapere cosa ne pensano i miei amici della famiglia Fornaro, che anni fa hanno dovuto mandare al macello i loro amati animali perchè pieni di diossina. Ah, certo, nelle sigarette vendute a Taranto ci sarà stata diossina. E tutto intorno alle stalle c’erano sicuramente migliaia di persone a fumare. E il fumo passivo, si sa, è nocivo. Abbiamo fatto anche la legge che vieta di accendersi le sigarette nei ristoranti!

Enrico Bondi dovrebbe dimettersi. Spero glielo chieda il ministro Orlando nel colloquio che avrà con lui nelle prossime ore.

È evidente che un commissario che firma un documento in cui si avalla sostanzialmente una tesi simile, non è equidistante come il suo ruolo richiederebbe.

DEVE DIMETTERSI. Senza nessun’altra alternativa. Oggi ha addirittura pateticamente cercato di smentire le sue affermazioni. Ma non può farlo, perchè le ha scritte, nel documento che allego e che è stato diffuso anche grazie a Peacelink, oltre che con lo scoop del Fatto quotidiano.

Nota ILVA SpA_dir 205 2013

documento fumo di sigarette

ps:  ”E’ molto importante che i cittadini e le organizzazioni non governative (Ngo)possano giocare un ruolo attivo nella difesa dell’ambiente”. Lo ha detto il commissario Ue all’Ambiente Janez Potocnik.
Per buona pace dei vari Bondi che sperano che le loro gesta rimangano segrete, per poi provare a rimangiarsele, la trasparenza di tuttigli atti è un diritto sancito dall’Europa.
«
Sebbene la legislazione Ue copra molte aree legate all’accesso alla giustizia, restano tuttavia dei vuoti e sia il Consiglio che il Parlamento hanno rivolto un appello affinche’ sia migliorato proprio l’accesso alla giustizia ambientale».

Capito, Bondi?

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi

Care toghe verdi, consideratela un’agenda per il futuro

andrea orlandoHo cercato invano ovunque qualcosa che legasse il nuovo ministro per l’Ambiente Andrea Orlando ai temi di cui dovrà occuparsi. Che ne so, un’interrogazione parlamentare, un emendamento, una presa di posizione, nel suo curriculum degli ultimi anni. Nulla. Non pervenuto. Magari è una buona notizia, magari è più lontano dalle logiche di lobby che ci hanno regalato ministri decisamente deludenti.

Magari. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

Vista da lontano, l’Italia è ancora più assurda

20130410-113812.jpg
Amsterdam, pomeriggio di pioggia fina e di freddo. Umidità fin sotto la pelle.
Consulto compulsivamente il telefono, aspetto un messaggio. Poi mi arriva la mail dal giornale. Il pezzo che avevo scritto è da rifare: la Corte Costituzionale non ha avuto bisogno della notte per riflettere, e ha salvato la legge Clini emanata per consentire all’Ilva di continuare a produrre nonostante il fermo voluto, considerato necessario dai magistrati per il diritto non comprimibile alla salute e alla vita dei tarantini.
Niente da fare, l’industria ha vinto. Per ora.
E ha vinto quella politica che di fatto nomina anche i giudici della Corte e che ha detto sì al decreto diventato legge.
Ce lo aspettavamo tutti, ma sono crollata lo stesso.
Ho pianto come una bambina, e la cameriera del pub mi ha offerto una guinness. Ho provato a raccontarle cosa stava succedendo ma lei non poteva crederci.
A me ha dato fastidio quella sua incrollabile fiducia nelle istituzioni.
Le ho spiegato che in Italia è diverso, che i cittadini devono lottare per vent’anni e più per chiedere semplicemente il diritto a una vita sana.
Che ora bisogna studiare nuove strategie.
La cameriera mi ha chiesto: perchè non fuggite via?
No. Sono già fuggita una volta. Ora resto accanto ai miei amici e fratelli, e unisco i miei strumenti ai loro.
E come dicono i guerrieri spartani, alla fine vinceremo.

1 Commento

Archiviato in Acciaierie Valsugane, Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

E poi leggo un giornale, e mi viene la nausea

20130407-172505.jpg

Inizio subito autodenunciandomi. Non sono riuscita a mantenere il dovuto distacco. Nessuna alterità. Forse non ho nemmeno provato. Forse quando è partito il coro “Taranto li-be-ra” e io ho urlato a squarciagola e battuto le mani non è stata nemmeno una resa, è stata la necessità di mollare l’ipocrita atteggiamento da cronista e mostrare quello che il mio cuore chiedeva.
Partecipare.
Quindi racconterò della gente senza filtri opachi.
E comincio da Fabio Matacchiera e da Alessandro Marescotti. Giganti, nella loro dedizione, nella loro costanza, nella loro energia e nella loro lucidità. Il Fondo Antidiossina e Peacelink si complementano e si amalgamano alla perfezione. Sono bellissimi, con i loro occhi lucidi. E le lacrime, che quando ci vuole ci vuole.
Luciano Manna che sembrava un attaccapanni di macchine fotografiche. Mille input, mille server da gestire, riprese, dirette streaming, e sempre quella placida tranquillità di chi si è appena alzato da tavola. Ma come fa?
Ma non è stata una manifestazione di attaccanti, quella di stamattina. No.
C’era tutto un centrocampo allenato, efficace ed efficiente.
I medici. Che belli i medici quando ci mettono la faccia. “Basta, ogni giorno si ammalano bambini, bisogna fare presto”, ha detto un pediatra.
“Li vediamo ogni giorno i danni dell’Ilva, nel nostro ospedale”, ha aggiunto in oncologo. E le donne a raccontare: “un amichetto di mio figlio ha il tumore al cervello a dieci anni. Fa le chemioterapie a dieci anni”.

Tutti volevano raccontare stamattina a Taranto. La manifestazione è la prima di una settimana da far impallidire i riti di quella santa. Martedì c’è la consulta che decide sul decreto Salva Ilva, che già per il fatto che si chiama così, a me vengono i brividi. Con un sit in di tarantini a Montecitorio organizzato da Peacelink.
Domenica prossima il referendum consultivo. In mezzo cronache e interviste, per non far calare l’attenzione.
Però io credo che l’attenzione non potrà calare. Questo ho sentito. Bastava vedere gli anziani, che trascinavano stanchi ma fieri i passi al corteo, i giovani allegri, i professori che avanzavano compatti, i negozianti con le locandine del corteo sulle vetrine.
C’è chi ha tenuto a sottolineare che mancavano gli operai. Che qualcuno era lì solo a titolo personale. Ma cosa si pretende? Che indossino le tute mettendosi a disposizione del dispotismo delle vendette di fabbrica o a rischio licenziamento?
Certo che mancano, la città sta provando a saltare con l’asta il baratro che la divide da chi ha disperatamente bisogno di quella fabbrica, e per loro la politica continua a far finta di non vedere soluzioni.
Quando le telecamere si spegneranno, quegli operai si ritroveranno a essere indicati, identificati, mobbizzati. Posso capire il loro terrore.
Ma Taranto oggi è scesa in piazza anche per loro.
Perchè è con la fame di lavoro che si crea la disperata voglia di alternative, e allora qualcosa potrà davvero cambiare.

Ah già.
Poi salgo sul treno verso casa, trovo un Corriere, leggo del toto Quirinale, delle polemiche su Franceschini che vuole il governo col Pdl, di una giornalista salita su un tetto per strappare una foto di Grillo, e mi viene da vomitare.

1 Commento

Archiviato in Acciaierie Valsugane, Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

Bandiera bianca. Quella che vorrei vedere sull’Ilva

Una macchia bianca in mezzo alla città. Bianco come il colore dei camici che i tarantini ammalati vedono tutti i giorni. Bianco come il colore della resa.

Ma è tutt’altro che una resa quella della città di Taranto che domani 7 Aprile, dalle 10.30, scenderà in piazza a manifestare. La bandiera bianca è quella che spero di veder sventolare sull’acciaieria Ilva.

In attesa della sentenza della Corte Costituzionale, prevista per martedì, e che potrebbe decretare la chiusura dell’impianto, definendo incostituzionale la legge Salva Ilva voluta dal ministro Clini, e dalla maggioranza del Parlamento, i tarantini scendono in piazza a sostegno della magistratura.
Invitati da Peacelink e dal Fondo Antidiossina che hanno organizzato il corteo, medici, infermieri, analisti, tutto il comparto sanitario insomma, ha aderito e parteciperà in camice bianco.

E poi, martedì 9 Aprile, tutti a Roma, in piazza Montecitorio, per un lungo sit in, dalle 9 alle 18 grazie anche a No War, dove gli ammalati e i tarantini che nel sangue hanno tutt’oggi piombo e altri metalli pesanti, segnali di un’esposizione che continua imperterrita, attenderanno l’esito della decisione della Consulta.

20130406-101729.jpg

1 Commento

Archiviato in Acciaierie Valsugane, Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie, VerdeNero

Si fa presto a dire Pm10

891713_4993258144077_876995174_oDiretta streaming su Peacelink di un interessante incontro all’università di Giurisprudenza di Taranto sul decreto Salva-Ilva, la sua costituzionalità e la situazione della città. Presente anche Giorgio Assennato, direttore dell’Arpa pugliese.

Ho le cuffie, lo ascolto mentre sono al lavoro, come un sottofondo. Ascolto gli interventi, mi perdo ogni tanto qualcosa ma so che potrò recuperarlo nella registrazione, e intanto scrivo notizie nella pagina delle news di Metro. A un certo punto mi distraggo, sto cercando di capire cosa sta succedendo a Palazzo Chigi dove teoricamente dovrebbero decidere come assegnare i 20 miliardi che dovrebbero essere a disposizione delle imprese che vantano crediti con la pubblica amministrazione. Mi perdo dietro questi condizionali, e nelle dichiarazioni in politichese dei politici quando Luciano Manna mi richiama su Taranto con un messaggio. “Hai sentito?”. connetto orecchie e cervello: Assennato sta appena dicendo che l’aria di Taranto non è peggiore di quella di altre città d’Italia. Che le Pm10 sono allo stesso livello, che in Canada si respira la stessa aria.

La webcam inquadra la faccia perplessa e lo sguardo interrogativo di Alessandro Marescotti che scalpita per intervenire. Sul mio telefono leggo la rabbia di Fabio Matacchiera. Ci sentiamo: è giustamente furioso.

“Il tema non è quanta Pm10c’è a Taranto, o almeno non solo – mi dice Fabio Matacchiera – Il tema è cosa c’è nelle Pm 10. I metalli pesanti e le polveri inquinanti che abbiamo qui non ci sono altrove”.

Certo, è così. Certo, ma non è facile che chi sta ascoltando il direttore dell’Arpa abbia queste conoscenze, abbia questi strumenti per controbattergli. Fortunatamente Marescotti non gliele manda a dire, ed è preciso nella sua replica.

Ma quante volte, in  quanti giornali,  in quanti studi i televisivi, le parole di Assennato o chi per lui saranno state semplicemente riportare, senza analisi, senza dubbi, senza approfondimenti? quante volte la bugia sarà stata ripetuta, fino a diventare verità per qualcuno?

Per una marea di ragioni, ma anche per questo, sabato e domenica sarò a Taranto. E Toghe Verdi racconterà, giorno per giorno, il cammino verso il 9 aprile, quando la Corte Costituzionale dirà la sua sul decreto Clini Salva Ilva che secondo i magistrati Tarantini viola 17 articoli della Costituzione.

Ci vediamo 500 chilometri a Sud, tra una manciata di ore.

4 commenti

Archiviato in Acciaierie Valsugane, Attualità, VerdeNero

Mugello, le toghe verdi hanno un’altra possibilità

20130319-101657.jpg
La Cassazione ha cassato.
È una buona notizia per le pazienti e tenaci toghe verdi fiorentine.
E i 57 km di corsi d’acqua assetati del Mugello, avranno una nuova occasione per ottenere giustizia.
Ci sarà infatti un nuovo processo d’appello per il procedimento sui danni ambientali legati ai lavori per l’Alta velocità ferroviaria, in Mugello, tra Firenze e Bologna. Lo ha deciso la Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso della procura di Firenze. La Suprema Corte ha annullato la sentenza con cui, nel giugno 2011, in appello a Firenze i 39 imputati erano stati assolti.

In primo grado invece, nel marzo 2009, erano state condannate 27 persone, icon pene da tre mesi d’arresto a 5 anni di reclusione ed erano state stabilite provvisionali per il risarcimento danni di oltre 150 milioni di euro: le pene più alte erano state per i vertici del Cavet, il Consorzio di imprese (75% Impregilo) che ha avuto in appalto i lavori, a processo insieme a responsabili e dipendenti di ditte in subappalto, gestori di cave e di discariche,
intermediatori per i rifiuti.

I reati per le quali vennero emesse condanne in primo grado – e sui quali dovrà esprimersi di nuovo l’appello – erano quelli legati all’illecita gestione dei rifiuti. Assoluzioni definitive, invece, per le accuse legate ai danni alle falde acquifere e ai torrenti.
I danni ambientali erano stati stimati dalla procura sui 750 milioni di euro, per il disseccamento o l’impoverimento di 81 corsi d’acqua, 37 sorgenti, una trentina di pozzi e cinque acquedotti, l’inquinamento del territorio per i depositi di terre di scavo contaminate da idrocarburi.

Un applauso a Gianni Tei, e una speranza per Firenze, che nei progetti dovrebbe essere attraversata belle sue viscere dal tunnel della Tav.

2 commenti

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Tav

Eravamo quattro amici al bar…

Schermata 2013-01-30 alle 18.06.53Dunque, intanto non eravamo quattro ma otto, non volevamo cambiare il mondo. No, non pretendiamo tanto, ma cambiare un tantinello la scala di priorità di questa campagna elettorale sì.

Con Marina Perotta ci conosciamo da tanto tempo, da quella redazione che faceva tanto New York Times al centro di Napoli (ma solo per i finestroni che si affacciavano sul viavai della città) dove un progetto di uno scellerato poteva diventare oro. Ma era di uno scellerato, e non se n’è fatto niente. Però mi ha fatto conoscere Marina. E il giorno in cui arrivai con le sfogliatelle in redazione per festeggiare la mia laurea scoprii che non avrebbe riaperto mai più. Ma sto divagando. Con Marina per un bel po’ ci siamo perse, poi ritrovate, e trovate dalla stessa parte della barricata: l’ambiente.

Gli altri (leggerete i nomi in didascalia) sono colleghi di cui apprezzavo i pezzi letti in rete, e adesso ne apprezzo ancora di più lo spirito, la combattività, la voglia, nonostante tutto e tutti, di voler fare questo mestiere, e di mettersi in gioco. E così abbiamo fatto. Il nostro progetto-esperimento è sempre più progetto, sempre meno esperimento.

Grazie all’onorevole-panda (brava a Maria Ferdinanda Piva per aver coniato la definizione) Ermete Realacci che è stato il primo a farsi intervistare, ieri. Certo, non tutte le risposte sono quelle agognate (Realacci ha pur votato sì al decreto Salva Ilva e l’ha spiegato con una realpolitik che poco si sposa con il genocidio di una città), altre un po’ generiche, come sull’amianto, ma non si è parlato di allineamenti, alleanze, dispettucci, frasi slogan e ad effetto.
A me è piaciuto assai.
Ecco i prossimi appuntamenti, seguiteci perchè saremo in diretta streaming su Youtube e sarà possibile intervenire: domani sera ore 21 Loredana De Petris, Sel.
Lunedì ore 16 Angelo Bonelli (Verdi per Rivoluzione Civile).
A seguire tutti gli altri. Come dicono quelli bravi… stay on air!

(Per vedere il video ritrovo cliccate sul fotone di Realacci!)

ps. grazie a Laura Genga per aver colto l’intelligenza dell’iniziativa e aver reso possibile l’intervista 😉

Lascia un commento

Archiviato in Amianto, Attualità, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie