Archivi tag: guariniello

Toglietegli la laurea

eternitAbbiamo avuto una reazione simile, io e Romana Blasotti. Lei in aula, nel tribunale di Torino, io in redazione, alla mia solita scrivania, mentre con cuffie decisamente troppo vecchie e gracchianti ero collegata in streaming con la stessa aula dello stesso tribunale.

Ho sentito “assolto”. L’ho sentito un paio di volte e credevo che l’impossibile si fosse realizzato.
Romana, la battagliera signora della lotta contro l’Eternit, la vittima delle vittime, che per la polvere bianca ha perso cinque parenti, compresa la figlia, si è sentita mancare.
A me girava la testa.
Il tempo che il giudice continuava a leggere e comparivano le parole “colpevole”. Mi sono ripresa. E così ha raccontato lei alle agenzie di stampa: «Sono stravolta dalla stanchezza ma finchè posso avdo avanti. Avevo capito che fosse stato assolto».

E invece no.

Il miliardario Stephan Schmidheiny è stato condannato, a 18 anni, e a pagare milioni di euro alle vittime. Che non sono soltanto gli operai, i loro familiari, ma anche Casale Monferrato, la città della tragedia, decine tra associazioni, comuni, Asl, sindacato.

La frase più bella è del pm Raffaele Guariniello, uomo in genere misurato nelle parole e fortunatamente non nella sua passione per la difesa della salute pubblica e dell’ambiente: «Questa sentenza è un inno alla vita, un sogno che si avvera. La posta in palio è la tutela dell’uomo e della salute».

Io ho un sogno, anzi due: che il multimiliardario la smettesse di nascondere i suoi soldi per il mondo e li lasciasse a disposizione della comunità e delle vittime dell’ecocidio che ha generato. Senza la causa civile che ne dovrebbe scaturire. Senza far trascorrere anni e anni di nuovi faldoni nei tribunali.

E il secondo: che l’università di Yale ritirasse la laurea honoris causa al miliardario assassino (sì, con due sentenze di condanna si può dire: Schmidheiny sei un assassino!!!) . Laurea per meriti industriali e ambientali. Vorrei che anche gli industriali si incazzassero, e si dissociassero da chi ha sulla coscienza la vita di decine di migliaia dipersone.

8 commenti

Archiviato in Amianto

Eternit, Torino oggi ci parla di un punto di non ritorno

Dal primo all’ultimo ho voluto sentirli. I nomi e i cognomi, anzi i cognomi e  nomi, nell’ordine in cui sono stati pronunciati, delle migliaia di vittime e dei parenti, vittime anche loro, dell’amianto dei due “signori Eternit”. Mi son seduta accanto a un amplificatore, mi sono isolata dal mondo intorno e ho seguito la lettura dei nomi, Finocchio Palmira congiunto di Cavaliere Antonio, Costanzo Elisabetta congiunto di…

Bella la parola “congiunto“. Giunto con. Uniti, legati. Per sempre, nella vita e in questo dolore. E ora uniti nella storia da una sentenza di giustizia.

Un rosario di nomi che mi ha fatto venire in mente la scena di un film che adoro, “Il muro di gomma”. Lì  una voce impersonale leggeva i passeggeri del Dc9 di Ustica a parenti che capivano in quel momento di non poter riabbracciare mai più i loro cari. Qui la voce a tratti emozionata del giudice ha restituito vita e dignità a migliaia di persone.

Abbiamo vinto, oggi. Continua a leggere

7 commenti

Archiviato in Amianto, Attualità, Le battaglie di Togheverdi

Eternit, aspettando la sentenza con la “toga verde” per eccellenza, Raffaele Guariniello

Voglio prepararmi a domani, al giorno in cui arriverà la sentenza di primo grado al processo Eternit, segnando bene in memoria quanto ha detto un paio di giorni faRaffaele Guariniello, procuratore aggiunto di Torino, istruttore del processo e una delle toghe verdi più preparate e agguerrite d’Italia: «Non importa – ha detto Guariniello – quale sarà l’esito del nostro processo. L’importante è portare il problema alla luce del sole. Non solo da noi a Torino, ma dappertutto. Mi hanno mostrato foto e filmati di operai che in Brasile, in India e in Cina non portano nemmeno una mascherina sul volto, altro che protezione totale. Ma l’uomo non può essere trattato in maniera diversa a seconda di dove vive».

L’uomo non può essere trattato in maniera diversa a seconda di dove vive. E di dove lavora, aggiungo io. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Amianto, Le battaglie di Togheverdi, VerdeNero

I processi per i crimini ambientali a rischio prescrizione

“Una superprocura ambientale per evitare che troppi processi contro i crimini ambientali vengano chiusi per prescrizione“. È quanto sostiene in Toghe Verdi il pm torinese Raffaele Guariniello.

“Il processo contro le ecomafie laziali, in corso davanti al tribunale di Viterbo, è a rischio prescrizione“. A lanciare l’allarme è stato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, al termine dell’ennesima udienza del dibattimento sul traffico di circa 250mila tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi, provenienti da tutta Italia, per un giro d’affari da 2,5 milioni di euro, che venivano interrati in tre ex cave della Tuscia, a Capranica, Vetralla e Castel Sant’Elia.

Secondo Parlati, “con mille cavilli”, sarebbe in atto un tentativo di portare a prescrizione i reati. “Servono invece – aggiunge – pene esemplari contro i 15 imputati, al fine di dare segnali forti contro le ecomafie“. Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi

L’Osservatorio nazionale amianto denuncia: Eternit Austria e Fibronit, sodalizio killer

Nuovo “colpo” dell’avvocato Ezio Bonanni e dell’Osservatorio nazionale amianto: è stata consegnata la settimana scorsa nelle mani del Procuratore della Repubblica di Torino Dott. Raffaele Guariniello, una denuncia-querela, per disastro doloso e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, nei confronti degli amministratori e responsabili di Eternit Austria del sig. Schmidheiny Stephan Ernest e di altre dieci persone. Una denuncia che si aggiunge a quelle collezionate dalla Eternit e che hanno portato al maxi processo in corso a Torino.

Oggetto della denuncia sono le morti e l’esposizione all’amianto di ex dipendenti delle fabbriche Fibronit, di familiari e di soggetti deceduti a causa del mesotelioma pleurico. La denuncia-querela è stata firmata dal signor Silvio Mingrino, nella qualità di Presidente dell’Associazione Vittime Amianto Nazionale Italiana, A.V.A.N.I., e di coordinatore regionale dell’Osservatorio Nazionale Amianto per la sua sede lombarda. Lui stesso è figlio delle vittime, il papà Armando lavorava alla Cementifera Fibronit di Broni, in provincia di Pavia e della mamma signora Carmela Mazzucca. Continua a leggere

6 commenti

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi