Archivi tag: acciaieria valsugana

L’Ilva inquina. La “scoperta” dei periti

Image

Nelle lunghe chiacchierate con i tarantini mi ha sempre colpito la loro tenacia nella lotta e la loro capacità di restare lì, ad aspettare la giustizia, chiedendo attenzione nel resto d’Italia, attenzione che solo raramente, purtroppo, c’è stata.

Adesso la giustizia, anzi la Giustizia, con la lettera maiuscola, potrebbe essere in dirittura di arrivo.

Le emissioni di gas, vapori, polveri e diossina che ogni giorno, e ogni notte, vengono sputate fuori dai camini dell’Ilva crea pericoli per la salute dei suoi lavoratori e della gente. E gli animali abbattuti nei mesi scorsi perchè ammalatisi pascolando nell’area industriale di Taranto avevano quasi impresso il marchiò di quelle emissioni, e l’azienda non ha fatto tutto quello che le compete per evitare quei pericoli.

Lo hanno scritto, nero su bianco, i periti chimici nella prima parte della maxi perizia depositata alla segreteria del gip di Taranto Patrizia Todisco,

La perizia si inquadra nell’incidente probatorio dell’inchiesta aperta dal procuratore Franco Sebastio, dall’aggiunto Pietro Argentino e dal sostituto Mariano Buccoliero (a proposito di Toghe Verdi…) nella quale risultano indagati Emilio e Nicola Riva, il direttore Luigi Capogrosso, il capo area cokerie Ivan Di Maggio, il capo area Agglomerato Angelo Cavallo. Continua a leggere

Annunci

2 commenti

Archiviato in Acciaierie Valsugane, Le battaglie di Togheverdi, Le nuove battaglie

Emissioni tossiche e incendi nell’Acciaieria Valsugana

“Squilla il computer. L’espressione è impropria ma in un certo senso esatta. È Skype. Mi sta chiamando l’avvocato Mario Giuliano. Di persona non ci siamo mai incontrati, ma negli ultimi mesi c’è stata una fitta corrispondenza via mail.

Difende 560 parti civili nel processo contro i vertici dell’Acciaieria Valsugana riguardante le emissioni illecite dell’impianto: sono tutti cittadini della Valsugana, una valle che da Trento porta a Bassano, stanchi di essere ammorbati dai fumi dell’industria siderurgica, imposta negli anni Settanta a una valle con vocazione agricola e turistica – per esempio, Levico Terme e Roncegno Terme erano località turistiche già nell’Ottocento quando il Trentino faceva parte dell’Impero austro-ungarico. (…)

L’avvocato Giuliano è la mia buona notizia. Quando ascolto un dibattito politico, quando leggo un resoconto parlamentare o l’ennesima versione peggiorativa della già non condivisibile manovra, quando osservo l’inezia di un’opposizione appiattita sui soliti slogan come fossero degli incessabili ritornelli – e sto per deprimermi –, ecco che penso ai cittadini della Valsugana. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Attualità, Le battaglie di Togheverdi